Pagina 28 di 28 primaprima ... 18262728
Visualizzazione dei risultati da 811 a 822 su 822

Discussione: Legge di stabilita'

  1. #811
    Senior Member L'avatar di djcruxius
    Registrato dal
    Apr 2015
    residenza
    Prato
    Messaggi
    375
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Ragazzi scusate ma questo bollo lo avete pagato o no? Io devo pagarlo a pieno come regione toscana???

  2. #812
    Gold Member L'avatar di ricc
    Registrato dal
    Jul 2014
    residenza
    Milano provincia
    Messaggi
    845
    Grazie/Mi piace
    Il mio nome
    Ricky
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Io aspetto che me lo vengano a chiedere, non corro di certo a pagarlo.

  3. #813
    Gold Member L'avatar di ricc
    Registrato dal
    Jul 2014
    residenza
    Milano provincia
    Messaggi
    845
    Grazie/Mi piace
    Il mio nome
    Ricky
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Qualche anno fa misero una tassa sulle imbarcazioni, ci fu chi pagò, e chi no, poi decisero che non andava pagata e dissero che, a chi lo chiedeva, la rimborsavano, risultato un mio amico che pagò non chiese mai i soldi indietro solo per evitare sbattimenti. E chissà quanti altri pagarono e non chiesero poi il rimborso. Boo.

  4. #814
    Super Moderatore L'avatar di tyziocayo
    Registrato dal
    Jun 2011
    residenza
    Roma/Ferrara
    Messaggi
    2,915
    Grazie/Mi piace
    Il mio nome
    Silvio
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da djcruxius Visualizza il messaggio
    Ragazzi scusate ma questo bollo lo avete pagato o no? Io devo pagarlo a pieno come regione toscana???
    Lo devi pagare, ma è previsto uno sconto del 10%.

    Vedi tariffario 2015 della Regione Toscana:

    http://www.regione.toscana.it/docume...6-597bbe2442e3

    Per pagare, hai tempo fino al 30 settembre 2015:

    http://www.regione.toscana.it/-/tass..._col_count%3D1

  5. #815
    Senior Member L'avatar di djcruxius
    Registrato dal
    Apr 2015
    residenza
    Prato
    Messaggi
    375
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da tyziocayo Visualizza il messaggio
    Lo devi pagare, ma è previsto uno sconto del 10%.

    Vedi tariffario 2015 della Regione Toscana:

    http://www.regione.toscana.it/docume...6-597bbe2442e3

    Per pagare, hai tempo fino al 30 settembre 2015:

    http://www.regione.toscana.it/-/tass..._col_count%3D1
    Scusa ma il link che hai postato fa riferimento all'anno 2015 non a questo

  6. #816
    Super Moderatore L'avatar di tyziocayo
    Registrato dal
    Jun 2011
    residenza
    Roma/Ferrara
    Messaggi
    2,915
    Grazie/Mi piace
    Il mio nome
    Silvio
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Hai ragione è 2015 e il 2016 non c'è. Però considera che l'agevolazione è valida anche per il 2016 essendo stata introdotta nel 2014 con Legge Regionale e che tale legge non è stata più modificata.

    L.R. Toscana n. 86/2014
    Art. 5-bis Tassazione dei veicoli ultraventennali
    1. A decorrere dal 1° gennaio 2015, i veicoli ultraventennali, ovvero gli autoveicoli e i motoveicoli per i quali siano decorsi venti anni dall'anno di fabbricazione che, salvo prova contraria, coincide con l'anno di prima immatricolazione in Italia o in uno stato estero e per i quali non siano ancora trascorsi trenta anni dall'anno di fabbricazione medesimo, sono assoggettati alla tassa automobilistica ordinaria ridotta del 10 per cento.

    2. Le tasse automobilistiche ordinarie, dovute per le periodicità tributarie aventi origine nei mesi di gennaio e febbraio 2015 per veicoli in possesso del requisito dell'ultraventennalità al sorgere della relativa obbligazione, possono essere versate entro il 30 settembre 2015 senza applicazione di sanzioni ed interessi. Qualora le tasse siano già state corrisposte in misura forfettaria, la relativa somma viene detratta dall'importo dovuto ai sensi del comma 1.

    3. L'articolo 3 della legge regionale 20 dicembre 2002, n. 43 (Legge finanziaria per l'anno 2003), è abrogato.

    4. Alle minori entrate derivanti dall'applicazionel del presente articolo, stimate in euro 2.900.000,00 per ciascuna delle annualità 2015, 2016 e 2017, a valere sull'unità previsionale di base (UPB) di entrata 111 "Imposte e tasse", si fa fronte attraverso il maggior gettito tributario derivante dalla legislazione vigente ed imputabile alla medesima UPB di entrata 111 "Imposte e tasse".


    Per le scadenze scusa mi sbagliavo, in quanto il 30 settembre valeva solo per l'anno scorso. Ora credo che, trattandosi di "tassa automobilistica ordinaria", si debba rispettare l'ordinaria scadenza che per le auto immatricolate prima del1° gennaio 1998 è posta entro il mese successivo alla data di scadenza del periodo in corso di validità. Praticamente si trattava del 1° febbraio scorso.
    Comunque è strano che a fine marzo ancora la Regione non abbia pubblicato il nuovo bollettino. Considerata la esiguità della sanzione si potrebbe aspettare la pubblicazione del tariffario 2016.

  7. #817
    Senior Member L'avatar di djcruxius
    Registrato dal
    Apr 2015
    residenza
    Prato
    Messaggi
    375
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Si paga a pieno -10%. Bella roba! LADRI che non sono altro!!!

  8. #818
    Super Moderatore L'avatar di tyziocayo
    Registrato dal
    Jun 2011
    residenza
    Roma/Ferrara
    Messaggi
    2,915
    Grazie/Mi piace
    Il mio nome
    Silvio
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Come previsto, dall'introduzione della norma sul bollo per le auto di interese storico, gli effetti sono stati quelli di far colare a picco il mercato e il patrimonio nazionale di queste auto a fronte di miseri introiti, nonchè un calo vertiginoso degli iscritti all'Asi.


    Effetto bollo: auto storiche rottamate Secondo le ultime stime il ritorno del balzello sui modelli da 20 a 30 anni di età ha fatto crollare il mercato del 20%







    http://www.ilgiornale.it/news/politi...e-1259149.html

    Verona - Fuga dalle auto storiche: è la conseguenza naturale dell'abolizione, con l'ultima legge di Stabilità del governo Renzi, dell'esenzione dal pagamento del bollo per i proprietari di molti di questi «gioielli».


    A essere interessate sono le vetture con età compresa tra 20 e 30 anni, la cui tassazione per molti proprietari è diventata un problema. Da qui la decisione, sofferta, di vendere la macchina al miglior offerente (molti i collezionisti cinesi interessati: Pechino è al quinto posto in questo tipo di investimenti) o, alla peggio, mandarla dal demolitore.
    E così a varcare il confine, come sta avvenendo, è una buona parte del patrimonio italiano su quattro ruote. Non è un caso che alle più importanti manifestazioni dedicate alle auto storiche, come la Mille miglia o il Concorso d'eleganza di Villa d'Este, molti proprietari di auto d'epoca italiane sono stranieri. Ma l'ulteriore beffa è che alcune regioni (Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna) hanno deciso di mantenere l'esenzione. E il caos che si è generato non fa altro che accrescere la tensione tra gli appassionati, divisi in due categorie: fortunati e no.
    Il problema è stato affrontato in Fiera, a Verona, che fino a ieri ha ospitato la rassegna «Legend Cars», dedicata appunto ai veicoli d'epoca. A promuovere il dibattito il movimento di opinione #ForumAutoMotive, con gli interventi di Roberto Loi, presidente di Asi (Automotoclub storico italiano), Paolo Zabeo (Cgia di Mestre) e Fulvio Zucco (Ruoteclassiche). Il ritorno della tassazione sulle auto storiche con alle spalle tra 20 e 30 anni di onorato servizio, ha portato come conseguenza anche una forte riduzione degli iscritti al più importante club italiano. «Nel 2015 - spiega Loi - abbiamo perso 50.000 dei nostri 214.000 soci. E quest'anno la situazione non è cambiata: un altro 7% ci ha già lasciati. Prevedo che, al 31 dicembre, un ulteriore 3% farà lo stesso. La decisione del governo è iniqua, visto che l'erario incasserà molto meno di quanto ha stimato, proprio perché molto auto vengono rottamate oppure vendute. Una vera beffa che sta decimando e distruggendo un autentico tesoro. E il gettito stimato dal fisco, circa 78,5 milioni, si ridurrà solo a qualche briciola». I calcoli, secondo Asi, sarebbero stati fatti su un campione di veicoli il cui numero non corrisponde alla realtà. «La confusione regna sovrana - aggiunge Zabeo (Cgia di Mestre) - anche perché le Regioni che hanno mantenuto l'esenzione, salvo colpi di scena, sembrano destinate a soccombere, dovendo attenersi alla normativa introdotta nel 2015».
    E a proposito di bollo auto, secondo la Cgia di Mestre l'idea del governo di abolirlo, caricando però le accise sui carburanti, suona come una presa in giro. Infatti, non farà altro che penalizzare chi usa il mezzo per lavoro percorrendo più di 20.000 chilometri l'anno (tassisti, agenti di commercio, piccoli artigiani). Ma a soffrire sarebbe anche chi, con un'utilitaria di 1.200 cc (il bollo costa meno) percorre più di 15.000 chilometri annui.

  9. #819
    Gold Member L'avatar di enrico13
    Registrato dal
    Apr 2012
    residenza
    Rovigo
    Messaggi
    1,412
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    devono scendere a 10000 i tesserati ASI, caro Avvocato
    Enrico

  10. #820
    Gold Member L'avatar di Woody
    Registrato dal
    Sep 2014
    residenza
    Bologna
    Messaggi
    1,900
    Grazie/Mi piace
    Il mio nome
    Alessandro
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da tyziocayo Visualizza il messaggio
    Come previsto, dall'introduzione della norma sul bollo per le auto di interese storico, gli effetti sono stati quelli di far colare a picco il mercato e il patrimonio nazionale di queste auto a fronte di miseri introiti, nonchè un calo vertiginoso degli iscritti all'Asi.


    Effetto bollo: auto storiche rottamate Secondo le ultime stime il ritorno del balzello sui modelli da 20 a 30 anni di età ha fatto crollare il mercato del 20%







    http://www.ilgiornale.it/news/politi...e-1259149.html

    Verona - Fuga dalle auto storiche: è la conseguenza naturale dell'abolizione, con l'ultima legge di Stabilità del governo Renzi, dell'esenzione dal pagamento del bollo per i proprietari di molti di questi «gioielli».


    A essere interessate sono le vetture con età compresa tra 20 e 30 anni, la cui tassazione per molti proprietari è diventata un problema. Da qui la decisione, sofferta, di vendere la macchina al miglior offerente (molti i collezionisti cinesi interessati: Pechino è al quinto posto in questo tipo di investimenti) o, alla peggio, mandarla dal demolitore.
    E così a varcare il confine, come sta avvenendo, è una buona parte del patrimonio italiano su quattro ruote. Non è un caso che alle più importanti manifestazioni dedicate alle auto storiche, come la Mille miglia o il Concorso d'eleganza di Villa d'Este, molti proprietari di auto d'epoca italiane sono stranieri. Ma l'ulteriore beffa è che alcune regioni (Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna) hanno deciso di mantenere l'esenzione. E il caos che si è generato non fa altro che accrescere la tensione tra gli appassionati, divisi in due categorie: fortunati e no.
    Il problema è stato affrontato in Fiera, a Verona, che fino a ieri ha ospitato la rassegna «Legend Cars», dedicata appunto ai veicoli d'epoca. A promuovere il dibattito il movimento di opinione #ForumAutoMotive, con gli interventi di Roberto Loi, presidente di Asi (Automotoclub storico italiano), Paolo Zabeo (Cgia di Mestre) e Fulvio Zucco (Ruoteclassiche). Il ritorno della tassazione sulle auto storiche con alle spalle tra 20 e 30 anni di onorato servizio, ha portato come conseguenza anche una forte riduzione degli iscritti al più importante club italiano. «Nel 2015 - spiega Loi - abbiamo perso 50.000 dei nostri 214.000 soci. E quest'anno la situazione non è cambiata: un altro 7% ci ha già lasciati. Prevedo che, al 31 dicembre, un ulteriore 3% farà lo stesso. La decisione del governo è iniqua, visto che l'erario incasserà molto meno di quanto ha stimato, proprio perché molto auto vengono rottamate oppure vendute. Una vera beffa che sta decimando e distruggendo un autentico tesoro. E il gettito stimato dal fisco, circa 78,5 milioni, si ridurrà solo a qualche briciola». I calcoli, secondo Asi, sarebbero stati fatti su un campione di veicoli il cui numero non corrisponde alla realtà. «La confusione regna sovrana - aggiunge Zabeo (Cgia di Mestre) - anche perché le Regioni che hanno mantenuto l'esenzione, salvo colpi di scena, sembrano destinate a soccombere, dovendo attenersi alla normativa introdotta nel 2015».
    E a proposito di bollo auto, secondo la Cgia di Mestre l'idea del governo di abolirlo, caricando però le accise sui carburanti, suona come una presa in giro. Infatti, non farà altro che penalizzare chi usa il mezzo per lavoro percorrendo più di 20.000 chilometri l'anno (tassisti, agenti di commercio, piccoli artigiani). Ma a soffrire sarebbe anche chi, con un'utilitaria di 1.200 cc (il bollo costa meno) percorre più di 15.000 chilometri annui.
    Sul bollo si tratta di pura idiozia. Per chi ne fa uso di lavoro esistono meccanismi di detrazione compensativi.
    Sarebbe oro per le casse dello stato vista lo mole di elusione-evasione del bollo..
    Vuuuuudodici!!!!

  11. #821
    Senior Member
    Registrato dal
    Oct 2014
    Messaggi
    155
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da enrico13 Visualizza il messaggio
    devono scendere a 10000 i tesserati ASI, caro Avvocato
    Troppi anche 1000! Se l'ASI avesse operato nella direzione dei proprietari collezionisti, e non dei folti tesserati con"ventenne di comodo" e di dei Monti di passaggio, avremo ancora un parco macchine nazionale di tutto rispetto, invidiato da mezzo mondo. Invece il colpevole silenzio di fronte all'ennesima rapina tramite Gazzetta Ufficiale ci ha portati all'attuale desolante situazione.
    Ma consoliamoci, tutto ciò sta succedendo anche con banche case barche ecc ecc ecc, questi governi amano tanto i poveri al punto di volerci rendere tutti tali! Ve le ricordate ancora le belle estate Italiane?

  12. #822
    Super Moderatore L'avatar di safado
    Registrato dal
    Nov 2013
    Messaggi
    2,842
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Pienamente d'accordo con te Gianmarco,c'è solo una piccola inesattezza nel tuo post,le barche sono state tirate fuori dallo stillicidio e chi sà come mai...........
    Baffino(D'Alema) c'entra qualcosa????????
    Ultima modifica di safado; 15-07-16 a 09: 35
    Le persone non fanno viaggi,sono i viaggi che fanno le persone.Il viaggio non solo allarga la mente:le dà forma.

Pagina 28 di 28 primaprima ... 18262728

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •