Pagina 3 di 3 primaprima 123
Visualizzazione dei risultati da 61 a 90 su 90

Discussione: Restauro Ferrari 348 TS "Finalmente Ferrarista"

  1. #61
    Super Moderatore L'avatar di tyziocayo
    Registrato dal
    Jun 2011
    residenza
    Roma/Ferrara
    Messaggi
    2,707
    Grazie/Mi piace
    Il mio nome
    Silvio
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Un vero piacere osservare il tuo lavoro. Grazie per averlo condiviso.

  2. #62
    Senior Member L'avatar di F312PB
    Registrato dal
    Feb 2015
    Messaggi
    142
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    ....aggiorniamo,

    Per vezzo personale ho voluto aggiungere il cavallino cromato al centro della griglia anteriore vedendo la sua assenza come una "dimenticanza" progettuale, in fondo tutte le Ferrari lo hanno e lo hanno sempre avuto e non vedo perchè la 348 ne debba essere priva, e poi ci sta così bene che non ho resistito.
    Ho preso quello da 75mm che è la dimensione giusta, su Superperformance, ho fatto due staffe in alluminio e l'ho fissato, a me piace

    DSCN4036.jpg
    Poi ho messo mano alla cornice esterna nera alla base del lunotto che era appiccicosa pure lei
    Il problema di questa cornice sta nello smontarla: è in 3 pezzi tenuti da 4 dadi del 7 ciascuno in più ci sono anche le rondelle ed è importante saperlo e tenerne conto.
    I dadi sono abbastanza difficili da raggiungere perchè nascosti dalla flangia dell'apertura del vano motore che è pure ripiegata verso il basso.
    In pratica non si vede niente e si deve andare a tentoni e col tatto ed è MOLTO importante mettere un bel lenzuolo sopra il motore incastrandolo nei tubi dei radiatori per evitare che, nel caso sfugga un dado e/o una rondella, questi non si insinuino dalle parti delle cinghie . E' vero che la distribuzione ha il suo bel carter, ma è meglio non rischiare....e infatti una paio di dadi sono caduti fermandosi tranquillamente sul lenzuolo.
    Ad ogni modo estratte queste cornici le ho sverniciare, dato il primer, il solito nero satinato e rimesse al loro posto.
    Per tenere su le rondelle ed impedire che cadano prima di avvitare il dado, ho messo su ognuna una piccolissima quantità di Patafix che, essendo appiccicoso, le manteneva in posizione.

    DSCN4018.jpg

    DSCN4034.jpg

    DSCN4046.jpg

    Mancava anche il supporto ad U del condotto dell'aria di sinistra mentre l'altro era presente pur mancando del piccolo sostegno che lo distanzia dallo scudo termico del silenziatore.
    Anche qui non mi spiego come si sia potuto rompere e perdersi questo pezzetto, ma vedendo che il ricambio ha un costo spropositato, ho preferito far da me e rifare semplicemente il sostegno as U.
    Avevo a disposizione una striscia di alluminio da 20mm che avevo usato per fare le staffe per tenere ferme la casse acustiche posteriori e siccome era proprio della larghezza giusta, ho rifatto il sostegno, l'ho verniciato di nero e messo al suo posto con dado e bullone. Diciamo che ci voleva un po' più spesso e magari di acciaio, ma mettendoci due fascette da elettricista sui ganci alle estremità, la sua funzione la assolve, naturalmente per simmetria ho messo le fascette ancha a destra.
    Un'altra cosa che mancava era il coperchio del vano batteria, il ricambio (a trovarlo) costa un botto come pure il pezzo di Superperformance (170 Sterline) e allora mi sono fatto prestare da Prampolini il coperchio della 348 che aveva rischiato di andare a fuoco e l'ho fatto fare dal fabbro in lamiera per la mirabolante cifra di 5 Euro. Non sarà originale ma le palanche sono sempre le palanche
    Lo intravedete sulla sinistra dell'ultima foto, i dadi a mano per tenerlo fermo sono quelli del vano batteria di una 166 presi gratis

    DSCN4021.jpg

    DSCN4030.jpg

    DSCN4032.jpg

    Quando ho smontato i passaruota, quello di sinistra era rotto

    DSCN4074.jpg

    Non si vedeva niente una volta montato ma non mi andava di lasciarlo così e allora l'ho riparato con la vetroresina, poi ho carteggiato, dato una mano di primer e il solito nero satinato

    DSCN4076.jpg

    DSCN4111.jpg

    DSCN4116.jpg

    Un'altra cosetta era da sistemare nell'abitacolo: la molla ad aria del cassetto era scarica e lo sportello non restava aperto. Leggendo sui vari forum ho visto che anche il ricambio tende poi a rirompersi e quindi ho pensato di sostituirlo con un pezzo autocostruito.
    Pensando a cosa potrebbe fare alla bisogna mi sono venuti in mente il sostegni a molla delle tende a pannello, cioè questi

    DSCN4163.jpg

    Ho fatto le modifiche del caso

    DSCN4176.jpg

    E messo in opera, ora il cassetto sta su, costo 3 Euro

    DSCN4181.jpg

    ....continua.....

  3. Mi piace Woody piaciuto questo messaggio
  4. #63
    Gold Member L'avatar di Woody
    Registrato dal
    Sep 2014
    residenza
    Bologna
    Messaggi
    1,599
    Grazie/Mi piace
    Il mio nome
    Alessandro
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Mi ricorda una puntata di Top Gear... in cui una 458, durante la prova di velocità su un aeroporto in disuso, a causa del brecciolino distruggeva i passaruota...
    Mentre Mc Laren e R8 no..
    Vuuuuudodici!!!!

  5. #64
    Senior Member L'avatar di Marco 348 TB
    Registrato dal
    Jun 2011
    Messaggi
    421
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Caro F312PB devo fare una osservazione che credo ti possa riguardare.

    Questo tuo lavoro, parlo del "RESTAURO" da te fatto, ha richiesto una notevole quantità di tempo-pazienza-controllo-verifica foto-ecc. ecc. pertanto,
    ritengo sia un vero peccato che tale raccolta vada persa nell'archivio che nessuno (salvo noi lettori del momento) potrà vedere e adoperare come riferimento.

    La ragione per cui faccio questa osservazione è il pensare ad che fra qualche mese, un nuovo possessore di 348 non saprà certo che esiste tale tua discussione, rendendo il tuo lavoro di restauro invisibile a lui.

    Dico questo perchè avendo un 348 trovo sparse ed a volte nascoste su internet mille informazioni e notizie.

    Tutto qui

    Marco 348 TB

  6. #65
    Gold Member L'avatar di flavioleon
    Registrato dal
    Oct 2015
    Messaggi
    912
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    questo restauro è catalogato al posto giusto nella sezione " Officina Manutenzione e restauro ". Forse il post andrebbe ora intitolato in modo più appropriato all'oggetto che dall'essere una iniziale comunicazione di felicità ferrarista si è trasformato in una interessantissima documentazione di un accurato restauro.
    Sono d'accordo con te Marco che dovremmo riuscire ad evidenziare e catalogare meglio alcune "sezioni" per renderle immediatamente e più visibilmente disponibili a chi le ricerca.

  7. #66
    Senior Member L'avatar di F312PB
    Registrato dal
    Feb 2015
    Messaggi
    142
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Cari Marco e Flavioleon,

    sono assolutamente d'accordo con voi, per me non c'è nessun problema a cambiare il titolo della discussione per renderlo più intuitivo rispetto all'argomento trattato, ora ho anche cercato il modo di cambiarlo io ma non l'ho trovato.
    Ad ogni modo se l'amministratore e/o i moderatori vogliono, lo possono cambiare che so in qualcosa tipo: "Restauro 348 TS - Finalmente Ferrarista", in modo da mantenere la mia iniziale espressione di gioia nell'aver realizzato il sogno, ed evidenziare al contempo e inequivocabilmente l'argomento principale della discussione.
    Quindi se volete/potete farlo voi, procedete pure sennò ditemi come posso fare io e provvederò al più presto
    Altra cosa potrebbe essere il mantenere in evidenza, come si trova in altri forum, l'intera discussione.

    Paolo

  8. Mi piace flavioleon piaciuto questo messaggio
  9. #67
    Senior Member L'avatar di F312PB
    Registrato dal
    Feb 2015
    Messaggi
    142
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Nell'attesa che si riesca a cambiare il titolo della discussione, sempre che sia possibile, vado avanti con la cronaca del restauro con un capitolo che giudico molto interessante e istruttivo.

    Quando ho tolto le ruote anteriori per ripristinare i collegamenti elettrici delle porte avevo notato un certo grado di ossidazione presente nei punti di contatto fra il mozzo del disco freno e il cerchio.
    In quel momento ho lasciato perdere ripromettendomi di reintervenire in maniera specifica (meglio fare una cosa alla volta) e controllando anche le ruote posteriori, ed il momento era arrivato.
    Ho quindi messo l'auto sui ceppi che ho realizzato facendomi fare dal falegname una serie di 16 tavole di legno di pino alte 7cm e alcune piccole zeppe rettangolari per sospendere l'auto mettendole sopra le tavole, ecco quindi la mia rossa sui ceppi

    DSCN4064.jpg

    DSCN4065.jpg

    Ho quindi tolto le ruote: i mozzi posteriori (seconda foto) facevano paura
    A proprosito, per redersi la vita più facile nel togliere e sopratutto nel rimantare le ruote, è meglio procurarsi il noto perno filettato da inserire al posto del primo bullone tolto in modo che faccia da guida nel togliere e soprattutto nel rimettere la ruota.

    DSCN4066.jpg

    DSCN4067.jpg

    Ho quindi messo una spazzola d'acciaio su trapano e dopo una bella spazzolata l'aspetto era decisamente più bello

    DSCN4069.jpg

    DSCN4072.jpg
    C'era però una cosa che non tornava: quando ho tolto la ruota posteriore sinistra, ho tirato il freno a mano in modo da evitare rotazioni indesiderate, ma, mentre a destra la ruota rimaneva ferma, a sinistra girava bellamente
    Come si sa il freno a mano è a tamburo con i tiranti che entrano dentro al portamozzo e vanno al meccanismo che allarga lle ganasce, ma qui c'era qulcosa di sbagliato.
    Tolgo comunque la ruota, metto la testa dietro al portamozzo, impugno il cono dove entra il cavo del freno a mano, lo tiro e mi viene via: evidentemente era staccato.
    Per raggiungere il meccanismo occorre rimuovere il disco col tamburo e per fare questo occorre prima togliere le pastiglie dei freni, svitare i due bulloni che tengono la pinza e agganciare la pinza da qualche parte in modo che il tubo dei freni e il cavo dell'ABS non vengano tirati. Io l'ho agganciata alla barra antirolliio con due fascette da elettricista.
    E' di ESTREMA importanza NON confondere le rondelle di diverso spessore che sono interposte fra pinza e portamozzo perchè servono a mantenere la pinza parallela al disco. Nel mio caso erano 4 sia superiormente che inferiormente ed erano, per ogni bullone, uguali a due a due (due più spesse e la altre due più sottili).
    Quando si rimontano, per evitare che cadano (vanno inserite fra pinza e portamozzo e contemporaneamente deve passare il bullone), occorre mettere fra una e l'altra un minimo di Patafix.
    Inoltre ho trovato più facile inserire prima il bullone e le rondelle in alto dandogli solo alcuni giri per tenere tutto in posizione e poi spostare la pinza ruotandola per facilitare l'inserimento delle rondelle e del bullone inferiori.
    Poi stringere BENE

    DSCN4077.jpg

    Ora si deve rimuovere uno dei perni di centraggio del cerchio mentre l'altro va solo allentato per evitare che il disco cadda a terra al momento del distacco.
    Fatto questo ho spruzzato abbondantemente con lo Svitol tutti i margini di contatto disco/mozzo, aspettato 10 minuti e iniziato a colpire il disco col martello di gomma.....niente da fare, il disco era come saldato al mozzo.
    Era chiaro che ci voleva un estrattore e allora sono tornato da Prampolini spiegandogli la situazione e lui è stato così gentile da prestarmi uno dei suoi estrattori, eccolo in posizione

    DSCN4080.jpg
    L'ho tirato allo spasimo ma sembrava che il disco non ne volesse proprio sapere e allora ho ridato alcune martellate (sempre col martello di gomma eh!) ed improvvisamente e con un rumore tipo fucilata il disco si è staccato

    DSCN4084.jpg

    Ho quindi ripulito l'interno del tamburo e il mozzo con la solita spazzola d'acciaio montata sul trapano e mi sono finalmento messo a smontare il regolatore (o registro) delle ganasce e il suo meccanismo di apertura.
    La cosa più difficile è rimuovere le due molle di tenuta perchè sono abbastanza tirate. Esiste un gancio apposito, ma io me ne sono fatto uno con un cacciavite a lama oppurtunamente modificato in modo da formare il gancio necessario alla bisogna.
    Ecco i pezzi

    DSCN4098.jpg

    Ho quindi lubrificato leggermente col grasso al rame il mozzo, il tamburo, il registro e il meccanismo di apertura e l'ho rimesso al suo posto naturalmente dopo aver riagganciato il cavo al meccanismo di apertura delle ganasce.

    DSCN4123.jpg

    DSCN4126.jpg

    A questo punto, dopo aver rimontato il disco, occorre regolare la corsa del freno a mano dentro l'abitacolo, ma il problema era che la spia rimaneva sempre accesa e allora ho di nuovo chiesto lumi a Prampolini il quale molto gentilmente mi ha spiegato il trucco:
    succede che, quando si allentano i cavi per lavorarci, il cavo che arriva dalla leva del freno a mano viene come mangiato dal meccanismo e rientra dentro per cui occorre ritirarlo fuori.
    Bisogna essere in due, uno dopo avere alzato la leva la abbassa lentamente metre l'altro contemporaneamente afferra con una pinza il cavo e tira e come per magia si vede il cavo uscire fuori e allungarsi alla misura giusta.
    Fatto questo occorre regolare la corsa e il livello di tensione degli altri due cavi (in realtà è uno solo, date un'occhiata allo schema su Eurospare o Ricambi America per capire) che vanno alle ruote e laprocedura è questa:
    Si agisce sui registri girandoli tanto finchè la ganasce bloccano la rotazione dei dischi (e quindi delle ruote) e poi si allentano un pochino e si tira il freno a mano per vedere come va e se riallentandolo i dischi ruotano bene, insomma si controlla se funziona senza attriti ma anche che non ci sia troppo lasco altrimenti il freno non terrà.
    Detta così sembra facile, ma vi assicuro che occorre fare un numero notevole di tentativi e regolazioni per ottenere l'effetto giusto e il tutto deve poi armonizzarsi con la corsa della leva dentro l'abitacolo che ha anch'essa la sua regolazione che è dell'ordine di 4-5 scatti, infine bisogna controllare che si spenga regolarmente la spia quando si toglie il freno.
    C'è voluto parecchio tempo ma alla fine e con parecchia pazienza ci si riesce.

    .....continua, ma siamo quasi alla fine....

  10. #68
    Super Moderatore L'avatar di flyingboa
    Registrato dal
    Jun 2007
    residenza
    Provincia di Varese - Mosca, Russia
    Messaggi
    1,001
    Grazie/Mi piace
    Il mio nome
    Eugenio
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Ciao.

    Splendido lavoro, grazie per il tempo che ci hai dedicato facendoci vedere il tuo lavoro.

    Ora questa discussione dovrebbe essere - come ben merita - in evidenza

    Un saluto

    Eugenio
    Ferrari 328 GTS - Ferrari 348 Spider: Arte in movimento

  11. #69
    Gold Member L'avatar di flavioleon
    Registrato dal
    Oct 2015
    Messaggi
    912
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Peccato che siamo quasi alla fine ........

  12. #70
    Amministratore L'avatar di Lucio
    Registrato dal
    Mar 2007
    residenza
    Italia
    Messaggi
    8,996
    Grazie/Mi piace
    Il mio nome
    Lucio
    Potenza rep
    10

    Predefinito

    Quale titolo vorresti per la discussione?

  13. #71
    Gold Member L'avatar di Woody
    Registrato dal
    Sep 2014
    residenza
    Bologna
    Messaggi
    1,599
    Grazie/Mi piace
    Il mio nome
    Alessandro
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Restauro fai da me, che faccio meglio....

    Oppure 348 odontorestaurata...
    Vuuuuudodici!!!!

  14. Mi piace F312PB piaciuto questo messaggio
  15. #72
    Senior Member L'avatar di F312PB
    Registrato dal
    Feb 2015
    Messaggi
    142
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da Lucio Visualizza il messaggio
    Quale titolo vorresti per la discussione?
    Pensavo a qualcosa tipo "Restauro 348 TS - Finalmente Ferrarista"
    Così da far capire bene l'argomento della discussione pur mantenendo l'espressione di gioia per aver coronato il sogno.
    Che te ne pare?

  16. Mi piace Woody piaciuto questo messaggio
  17. #73
    Senior Member L'avatar di F312PB
    Registrato dal
    Feb 2015
    Messaggi
    142
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    E siamo giunti all'ultima puntata del mio restauro, peccato direte voi ma dal mio punto di vista direi che di cose ne ho sistemate abbastanza per cui lascio ben volentieri a qualcun altro la risoluzione di altri e magari inediti problemi: io ho già dato
    Restano da sistemare due o tre problemi di carrozzeria ma solo a livello di verniciatura che penso farò fare a un carrozziere ma non subito perchè ho avuto una spesa imprevista e allora devo attendere un pochino, diciamo che mi accontento e godo

    Volevo parlarvi di un piccolo intervento di cui non ho foto perchè è stato il primo che ho fatto e non avevo ancora deciso di documentare il restauro.
    Non è una cosa complessa ma serve a prevenire un possibile e costoso guasto (costoso perchè è un pezzo solo Ferrari) e cioè la rottura del perno del braccio del pantografo del tergicristallo lato guida. Questo perno normalmente non è lubrificato (chissà perchè) e, specie in climi umidi, tende a formarsi dell'ossido che porta al suo grippaggio e conseguente rottura. Essendo difficile da riparare si è costretti a comprare il tergi nuovo con costi, come al solito, assurdi.
    Avevo trovato questo argomento, se non ricordo male, su Clubscuderia, comunque lo smontaggio non è nulla di difficile e bastano normali chiavi a cricchetto, basta tenere conto della sequenza dei dadi e rondelle e non c'è problema.
    Ci sono solo 3 cose a cui bisogna fare caso:
    1- mettere una striscia di nastro adesivo tangente alla gomma del tergi rpima di smontare per ritrovare la posizione al momento del rimontaggio
    2- evitare che, dopo aver tolto la racchetta e la basetta, il perno del tergi cada dentro al suo alloggiamento perchè per recuperarlo occorre togliere il rivestimento del vano bagagli. Per stare tranquilli tenetelo dopo aver tolto l'ultimo dado e legatelo con uno spago.
    3- per sfilare il perno dalla basetta fate coincidere le punte delle frecce impresse su braccetto e basetta altrimenti non esce e lo stesso al rimontaggo.
    Comunque una volta che i pezzi sono in mano si da una bella pulita e ravvivata con carta abrasiva, si soffia, si mette un po' di grasso e si rimonta.
    Io ho dovuto anche dare una verniciata a spruzzo al braccetto del pantografo perchè era in parte ossidato.

    C'era anche un bel pezzo di vernice saltata dal "tappo" che chiude verso il basso il braccetto dello specchietto esterno sinistro.
    Bisogna svitare la vite e forzare leggermente per sganciare le due linguette di ritenzione, poi ho fatto saltare tutta la vernice residua insinuandovi sotto una spatola, poi carteggiata, mano di primer, diverse mani di rosso 300/12 e rimontaggio

    DSCN3952.jpg

    DSCN4340.jpg

    Altra cosa che ho sistemato in maniera molto artigianale sono state le numerose crepe nel pannello del vano bagagli. Siccome sono punti invisibili dopo aver montato il rivestimento, non mi sono fatto troppi problemi e ho fatto una specie di calafatura con Bostik e garze: semplice e d'effetto.

    DSCN4299.jpg

    DSCN4300.jpg

    DSCN4301.jpg

    Dulcis in fundo l'ultima riparazione semplice e veloce ma determinante per il buon funzionamento del motore.
    Quando ho portato l'auto da Prampolini ci siamo accorti che una paio di volte andava a 4, poi il difetto non si è ripresentato e allora non si era fatto niente, ma al collaudo riprende ad andare a 4 e ad inquinare più di Chernobyl
    Apro il cofano e vedo una pipetta della bobina dei cavi candele di sinistra che è staccata (mancava tutta la parte terminale compresa la molletta di ritenzione), la reinfilo e naturalmente tutto rifunziona alla grande, quindi passo il collaudo e una volta a casa guardo tutte le pipette. Ebbene, 3 di quelle di sinistra presentavono danni più o meno gravi alle estremità ed era chiaro che andavano sostituite.
    Il ricambio è una semplice pipetta Bosch il cui codice è stampigliato sopra per cui basta andare e comprare il ricambio generico che è il suo preciso.
    Per sfilare le pipette basta dare un mezzo giro a svitare e poi sfilare, per rimetterla basta inserire fino a sentire il clic finale magari dando un po' a girare alla fine per facilitare l'inserzione.
    Ecco la foto delle pipette danneggiate

    DSCN4303.jpg

    DSCN4302.jpg

    Ed eccoci quindi alla fine del mio restauro, è stato un lavoro lungo ma interessantissimo che mi ha fatto scoprire tante cose ed impare altrettanto di queste bellissime auto e mi ha fatto sentire ancora più mia la mia piccola Rossa.
    Non avevo mai fatto nulla del genere su un'auto e iniziare con una Ferrari non è stata cosa da poco, non vi nascondo che ho affrontato il lavoro con un certo timore reverenziale nella paura di trovare qualcosa che non avrei saputo sistemare, ma man mano che andavo avanti aumentava anche la fiducia e questo mi ha aiutato molto anche ad affrontare problemi strani come quello del sedile o del freno a mano.
    Devo dire che alcune guide trovate in rete sono state fondamentali e le consiglio a tutti coloro che volessero sistemare le magagne più note di questo modello, io ne ho fatto dei documenti di Word per cui sono disponibile ad inviarle a chiunque ne abbia bisogno.

    Infine un grazie a voi tutti per i vostri generosi commenti e per avermi letto.
    Forza Ferrari!!!

    Paolo

  18. Grazie flyingboa, alext72 ringraziato per questo messaggio
    Mi piace Lucio, Woody, Diekkuss piaciuto questo messaggio
  19. #74
    Senior Member
    Registrato dal
    Apr 2016
    residenza
    Ascoli piceno
    Messaggi
    177
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Complimenti ancora paolo per la pazienza dimostrata nel tuo lavoro....hai fatto delle cose splendide..quando avevo il 348 feci anche io molti lavori di restauro...quello piu difficle fu la risaldatura della doppia pista elettronica del comando clima e 4 frecce...poi dovetti risolvere lo slow down 1-4... .quanta pazienza....ora conservala continuando a fare questi piccoli lavori ...ciao
    Poca spesa... molta resa

  20. #75
    Member L'avatar di Diekkuss
    Registrato dal
    Dec 2016
    residenza
    Verona
    Messaggi
    59
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Che dire Paolo....
    ... sarei ripetitivo a farti i compimenti per questa tua impresa che ti ha dato tante soddisfazioni!
    Ma voglio essere ripetitivo, e quindi ti dico ancora BRAVISSIMO!!!
    Non c'è nulla che spinge più della passione per raggiungere i propri obiettivi.
    Adesso però mi piacerebbe se mettessi qualche foto intera del tuo gioiellino ristrutturato!
    L'abbiamo vista ai raggi-X ma una panoramica completa ci manca...
    Grazie di tutto!

  21. #76
    Senior Member L'avatar di F312PB
    Registrato dal
    Feb 2015
    Messaggi
    142
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Grazie ancora, vedrò di fare alcune foto dell'auto intera anche se si vedranno le imperfezioni sulla carrozzeria che non ho ancora sistemato, oppure le sistemo con Photoshop e così sono a posto

    Volevo aggiungere un paio di cose all'ultimo messaggio: una riguarda il discorso della sistemazione del tergicristallo ed in particolare è un'altra cosa a cui bisogna fare molta attenzione durante lo smontaggio e il rimontaggio, e cioè di stare parecchio attenti a non rompere il piccolo raccordo a 90° dove si innesta il tubicino del lavavetro. Non credo sarebbe facile trovare un eventuale ricambio ed il pezzo è molto piccolo e dall'apparenza delicata, per cui occhio!

    L'altra cosa è il fatto che mi farebbe molto piacere riuscire a conoscere di persona prima o poi qualcuno di voi, non so, venite mai dalle parti delle 5 Terre, Portovenere o meglio ancora della Versilia?

  22. #77
    Senior Member L'avatar di Marco 348 TB
    Registrato dal
    Jun 2011
    Messaggi
    421
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Io sto in Sardegna altrimenti ci saremmo senza dubbio incontrati.
    Il mio piacere sarebbe quello di scambiare opinioni ed esperienze sui lavori effettuati....mi sarebbe piaciuto parlarne di persona.
    Io il restauro moquette l'ho fatto a maggio ed ho usato delle strisce di cuoio con bostiK.
    Per il fatto che a volte va a 4, oltre allo slow down, controlla che sotto ai due moduli di potenza ci sia la pasta termica ancora fresca...................a me staccava la bancata, ho rifatto il velo di pasta termica ed ha smesso....................nel dubbio ho messo un velo anche sotto le 2 bobine.
    Con le alte temperature si secca la pasta termica ed i moduli di potenza possono fare i capricci.


    Meno male che almeno c'è il forum.

    un abbraccio

    Marco 348 TB

  23. #78
    Gold Member L'avatar di F1970
    Registrato dal
    Jun 2014
    residenza
    Cesena
    Messaggi
    693
    Grazie/Mi piace
    Il mio nome
    Fabio
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Ciao, in che zona sei della Sardegna?
    ad agosto vengo per 10 gg ...👍

  24. #79
    Super Moderatore L'avatar di flyingboa
    Registrato dal
    Jun 2007
    residenza
    Provincia di Varese - Mosca, Russia
    Messaggi
    1,001
    Grazie/Mi piace
    Il mio nome
    Eugenio
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da F312PB Visualizza il messaggio
    Grazie ancora, vedrò di fare alcune foto dell'auto intera anche se si vedranno le imperfezioni sulla carrozzeria che non ho ancora sistemato, oppure le sistemo con Photoshop e così sono a posto

    Volevo aggiungere un paio di cose all'ultimo messaggio: una riguarda il discorso della sistemazione del tergicristallo ed in particolare è un'altra cosa a cui bisogna fare molta attenzione durante lo smontaggio e il rimontaggio, e cioè di stare parecchio attenti a non rompere il piccolo raccordo a 90° dove si innesta il tubicino del lavavetro. Non credo sarebbe facile trovare un eventuale ricambio ed il pezzo è molto piccolo e dall'apparenza delicata, per cui occhio!

    L'altra cosa è il fatto che mi farebbe molto piacere riuscire a conoscere di persona prima o poi qualcuno di voi, non so, venite mai dalle parti delle 5 Terre, Portovenere o meglio ancora della Versilia?
    Quando sono in Italia (non spesso, purtroppo) vengo quasi sempre dalle parti di Sestri Levante a trovare mia mamma che vive li. A Settembre sarò li di sicuro. Fammi sapere dove... Possiamo confrontare Spider con TS

    Un saluto

    Eugenio
    Ferrari 328 GTS - Ferrari 348 Spider: Arte in movimento

  25. #80
    Senior Member L'avatar di Marco 348 TB
    Registrato dal
    Jun 2011
    Messaggi
    421
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Sono nel nord della Sardegna, ma capito spesso in varie zone dell'isola.

    Marco 348 TB

  26. #81
    Senior Member L'avatar di F312PB
    Registrato dal
    Feb 2015
    Messaggi
    142
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da Marco 348 TB
    Io sto in Sardegna altrimenti ci saremmo senza dubbio incontrati.
    Quote Originariamente inviato da Marco 348 TB

    Il mio piacere sarebbe quello di scambiare opinioni ed esperienze sui lavori effettuati....
    mi sarebbe piaciuto parlarne di persona.
    Io il restauro moquette l'ho fatto a maggio ed ho usato delle strisce di cuoio con bostiK.

    Per il fatto che a volte va a 4, oltre allo slow down, controlla che sotto ai due moduli di potenza ci sia la pasta termica ancora fresca...................a me staccava la bancata, ho rifatto il velo di pasta termica ed ha smesso....................nel dubbio ho messo un velo anche sotto le 2 bobine.


    Con le alte temperature si secca la pasta termica ed i moduli di potenza possono fare i capricci.


    Meno male che almeno c'è il forum.


    un abbraccio


    Marco 348 TB


    Grazie Marco,

    farebbe molto piacere anche a me conoscerti e scambiare opinioni e consigli , purtroppo c'è il mare di mezzo e la cosa non si presenta facile.
    Ti ringrazio per la dritta sulla pasta termica, suppongo sia la solita che si mette nei PC fra dissipatore e processore e se è così non ci sarebbero problemi: un altro dei miei hobby è assemblare/riparare i computer,
    quindi so già come si fa.
    Ad ogni modo non mi si è mai acceso lo "slow down" se non al momento dell'accensione del motore quando le centraline fanno il controllo, per poi spegnersi.
    Dopo la sostituzione delle pipette il motore gira alla perfezione, ma se fosse necessario provvederò di sicuro.

    Paolo

  27. #82
    Senior Member L'avatar di F312PB
    Registrato dal
    Feb 2015
    Messaggi
    142
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Ecco la puntata supplementare per il problema al climatizzatore.

    Seguendo la dritta dell'elettrauto, mi sono indizzato subito a controllare se la ventola sul condensatore si attivasse dopo l'accensione del condizionatore e, come ormai sappiamo, questo non avveniva.
    Questa è la ventola dopo la rimazione della ruota e del pannello.

    DSCN4342.jpg

    Il connettore della ventola è nascosto dall'infascettamento dei cavi ed è in basso a sinistra, mentre si vede bene il connettore blu che unisce il cavo di terra della ventola con un altro cavo che rientra nel vano anteriore in corrispondenza della vasca lavavetri.
    Questo connettore ha un aspetto molto "povero" ed economico: c'era dentro un rettangolino metallico con due fessure dove si incastravano i cavi spellati facendo contatto, il tutto poi ricoperto dal pezzo blu.
    Non mi piaceva per niente per cui l'ho sostituito con un faston ben crimpato poi protetto col termorestringente.
    Il connettore della ventola era talmente cotto dal calore proveniente da condensatore che mi si è sbriciolato (la parte lato ventola) quando l'ho disconnesso, anche l'aspetto dei contatti era molto sospetto.
    Nella foto manca uno dei contatti che non ho più trovato.

    DSCN4353.jpg

    Quello che mi suona strano è che, dopo aver tagliato il connettore della ventola e vedendolo così malridotto,, avevo rimesso i cavi in contatto e riprovato il condizionatore senza però che la ventola ripartisse per cui pensavo che il problema fosse da un'altra parte o comunque "anche" da un'altra parte, e invece.....Forse non ho rimesso bene in contatto i cavi oppure il positivo che era un po' annerito (e che poi ho pulito) non faceva bene contatto, chissà....

    Ad ogni modo ho assemblato il nuovo connettore e il faston come vedete in alto a sinistra e in basso

    DSCN4347.jpg

    Ho rimesso le fascette e il pannello

    DSCN4349.jpg

    DSCN4352.jpg


    BRRRRRR!!!! che freddo che fa

    Paolo

  28. #83
    Super Moderatore L'avatar di safado
    Registrato dal
    Nov 2013
    Messaggi
    2,393
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Bene anche questo problema se ne è andato.
    Controlla il condensatore/radiatore che non abbia perdite perchè dalle foto sembra che qualche piccola perdita ci sia.
    Contento di essere smentito...........
    Le persone non fanno viaggi,sono i viaggi che fanno le persone.Il viaggio non solo allarga la mente:le dà forma.

  29. #84
    Senior Member L'avatar di F312PB
    Registrato dal
    Feb 2015
    Messaggi
    142
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da safado
    Bene anche questo problema se ne è andato.
    Controlla il condensatore/radiatore che non abbia perdite perchè dalle foto sembra che qualche piccola perdita ci sia.
    Contento di essere smentito...........
    Dove vedi la possibilità di perdite, nel colore più scuro che si nota in alcune parti nelle alette del condensatore? Per ora ho chiuso tutto e fa fresco, se vedrò cali di prestazioni del clima saprò dove guardare

    Per chi voleva vedere foto della mia piccola iniziamo col motore, poi appena trovo due minuti farò quelle a figura intera, per ora accontentatevi che è comunque un gran bel vedere

    DSCN4360.jpg

    Paolo

  30. #85
    Senior Member L'avatar di nashira
    Registrato dal
    Aug 2014
    residenza
    Caserta
    Messaggi
    262
    Grazie/Mi piace
    Il mio nome
    Vito
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Ma il 348 non ha la regolazione elettronica delle sospensioni?

  31. #86
    Senior Member L'avatar di F312PB
    Registrato dal
    Feb 2015
    Messaggi
    142
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da nashira
    Ma il 348 non ha la regolazione elettronica delle sospensioni?
    No, lo hanno introdotto nell'F355, non c'è quello come non c'è il servosterzo, qui fra l'asfalto e il pilota ci sono solo gli ammortizzatori e bisogna guidare come diceva di fare Niki Lauda cioè sentendo la macchina col sedere

  32. #87
    Senior Member L'avatar di F312PB
    Registrato dal
    Feb 2015
    Messaggi
    142
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Ieri ho fatto un giretto di 1 ora e mezza e il clima ha funzionato a meraviglia, anzi, ho pure dovuto abbassare un po' la ventola perchè faceva troppa aria

    Ho fatto due foto al volo dell'auto a figura intera, si può fare meglio ma per ora vi mostro queste, che ne dite?

    DSCN4361.jpg

    DSCN4362.jpg

  33. Mi piace Diekkuss piaciuto questo messaggio
  34. #88
    Member L'avatar di Diekkuss
    Registrato dal
    Dec 2016
    residenza
    Verona
    Messaggi
    59
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Beh Paolo, direi che è spettacolare!!!!
    E poi posso solo immaginare le soddisfazioni che ti da questo gioiellino dopo tutto il lavoro eseguito!
    Ho riguardato le prime foto che avevi fatto prima di sistemarla e... inutile dire che non sembra nemmeno lei!
    Congratulations!!!!

  35. #89
    Member L'avatar di Diekkuss
    Registrato dal
    Dec 2016
    residenza
    Verona
    Messaggi
    59
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    E poi il cavallino sulla griglia anteriore.... TOP!!!

  36. #90
    Senior Member L'avatar di Marco 348 TB
    Registrato dal
    Jun 2011
    Messaggi
    421
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Senza dubbio un'ottimo lavoro che un'ottima Ferrari come la 348 merita.
    La passione per la 348 l'hai raccontata e condivisa in maniera eccellente coinvolgendo anche chi non ha questo modello.
    Sono certo che ti darà moltissime soddisfazioni.................quando otteniamo e curiamo qualcosa che a lungo abbiamo desiderato, difficilmente ci stancherà e sicuramente ci farà gioire.

    Complimenti.


    Marco 348 TB

Pagina 3 di 3 primaprima 123

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •