Visualizzazione dei risultati da 1 a 29 su 29

Discussione: Modellismo Rivarossi info utili

  1. #1
    Senior Member
    Registrato dal
    Feb 2009
    Messaggi
    476
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito Modellismo Rivarossi info utili

    Ciao ferraristi in questa sezione vorrei chiedere info utili per tutto ciò che riguarda i modelli in scala della rivarossi come testarossa e f40

  2. #2
    Amministratore L'avatar di Lucio
    Registrato dal
    Mar 2007
    residenza
    Italia
    Messaggi
    11,915
    Grazie/Mi piace
    Il mio nome
    Lucio
    Potenza rep
    10

    Predefinito

    Qualcosa la ricordo,chiedi pure

  3. #3
    Gold Member L'avatar di F312PB
    Registrato dal
    Feb 2015
    Messaggi
    569
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    La Pocher fu fondata a Torino nel 1952 da Arnaldo Pocher e Corrado Muratore e produceva modellismo ferroviario di grande qualità. Nel 1963 Muratore lascia l'azienda dove subentra la Rivarossi mentre la produzione di modelli di auto di grande qualità in scala 1/8 iniziò nel 1966 con la Fiat 130 HP F2. Dopo alterne vicende aziendali fra cui un incendio, nel 1981 la fabbrica venne trasferita a Como.
    La produzione verteva su modelli di auto classiche in scala 1/8 soprattutto degli anni '30 con un numero elevatissimo di parti da essemblare e una notevole qualità e finitura, basti pensare alle ruote a raggi completamente in metallo con i raggi da essemblare ad uno ad uno: tieni conto che i pezzi per fare una ruota di una loro Rolls Royce sono 180! e lo so bene perchè io ne ho costruiti ben 4 dei loro modelli (2 Rolls Royce, coupe e berlina, l'Alfa Romeo Spider Touring Gran Sport, e la Mercedes 500 K/AK) e pensa anche ai sedili imbottiti e ammortizzati, alle porte che si aprono agendo sulla maniglia, ai freni a tamburo funzionanti agendo sui pedali ecc ecc. Come avrai capito sono modelli meravigliosi e dal costo proporzionato, ricordo che la Rolls Royce berlina aveva 3000 pezzi e costava alla fine degli anni '80 non meno di 600.000 Lire.
    L'assemblaggio era quasi completamente effettuato tramite viti, bulloni e dadi mentre l'uso della colla era limitato ad alcune parti come ad esempio la selleria.
    Nel 2004 la Pocher venne venduta all'inglese Hornby che finora non ha rimesso in produzione i kit classici ma ha di recente introdotto la Lamborghini Aventador sempre in 1/8 (2013) e la Ducati Panigale in scala 1/4

    Alla fine degli anni '80 vennero lanciati il modello della Testarossa (anche in versione spider) e subito dopo quello della F40 non più progettati dalla Pocher ma dalla Rivarossi e la produzione fu esternalizzata per contenere i costi. Per lo stesso motivo anche il numero dei pezzi diminuì notevolmente e l'assemblaggio era quasi del tutto eseguito con viti e incastri. La carrozzeria era in metallo (zama) e si presentava già verniciata.
    Queste caratteristiche, volte a contenere i costi ed a facilitare l'assemblaggio, personalmente (ma penso anche ad altri modellisti) fecero un po' storcere il naso anche se, una volta terminati, i modelli erano di sicuro effetto.
    Per l'F40 vennero prodotti da ditte terze numerosi kit di superdettaglio soprattutto in fotoincisione ma anche in resina che penso siano ancora reperibili specie su ebay e che in effetti migliorano di parecchio la qualità finale del modello dettagliando i punti dove il progetto ha semplificato un po' troppo.
    Ritengo che il superdettaglio sia con kit che con autocostruzione sia assolutamente da effettuarsi vista la grande scala e per rendere giustizia al modello in se che merita un maggior dettaglio.
    I kit sono, come detto, fuori produzione ma su siti come ebay li trovi abbastanza facilmente.
    Se volevi sapere qualcosa di particolare chiedi pure.

    Maggiori informazioni sulla storia della Pocher le trovi qui https://it.wikipedia.org/wiki/Pocher.

    Paolo

  4. Mi piace anconetano piaciuto questo messaggio
  5. #4
    Senior Member
    Registrato dal
    Feb 2009
    Messaggi
    476
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    I modelli Testarossa e F40 in quante colorazioni erano presenti sul mercato?

  6. #5
    Amministratore L'avatar di Lucio
    Registrato dal
    Mar 2007
    residenza
    Italia
    Messaggi
    11,915
    Grazie/Mi piace
    Il mio nome
    Lucio
    Potenza rep
    10

    Predefinito

    Io ricordo rosso giallo bianco e nero

  7. #6
    Gold Member L'avatar di F312PB
    Registrato dal
    Feb 2015
    Messaggi
    569
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Originariamente inviato da Lucio
    Io ricordo rosso giallo bianco e nero

    Esattamente

    Anconetano, dicci una cosa, hai intenzione di costruire uno o entrambi i modelli?
    Non conosco la tua esperienza modellistica ma ti consiglio di pensare a verniciare almeno il motore e la meccanica che così come sono si vedrà che sono di plastica. Il massimo sarebbe riprodurre un po' di sporco e unto nel motore, sui radiatori, simulare le bruciature sugli scarichi (ci sono tecniche specifiche sia a pennelo che ad aerografo), dettagliare con fascette i tubi, carteggiare un pochino il battistrada ecc, ecc, nonchè, specie nel caso dell'F40 dare un'occhio ai vari set di superdettaglio di cui ti ho parlato.
    Personalmente sarei molto tentato di sverniciare e rispruzzare la carrozzeria

    Paolo

  8. #7
    Senior Member
    Registrato dal
    Feb 2009
    Messaggi
    476
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Grazie per tutte le informazioni utili,spiego il perchè della domanda. Sono alla ricerca di una testarossa 1/8 e su subito ho visto questo s che ne possiede diverse e tra le tante una di color celeste,insolito per me ma oggi ho letto bene il testo e scrive che è stato riverniciato. Qui il link https://www.subito.it/hobby-collezio...-201893027.htm

    Non avevo mai visto la testarossa se non rossa o gialla quindi chiedevo eventuali lumi.
    Immagini allegate Immagini allegate

  9. #8
    Amministratore L'avatar di Lucio
    Registrato dal
    Mar 2007
    residenza
    Italia
    Messaggi
    11,915
    Grazie/Mi piace
    Il mio nome
    Lucio
    Potenza rep
    10

    Predefinito

    Il rosso è il colore che meglio si abbina ad entrambe.
    Vedo che lo stesso inserzionista ha più annunci di modelli della Pocher,anzi sono tutti suoi.

  10. #9
    Senior Member L'avatar di dinoferrari
    Registrato dal
    Jan 2008
    residenza
    principato
    Messaggi
    358
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    In che anni sono stati lasciati in commercio e quanto costavano
    Dino

  11. #10
    Gold Member L'avatar di F312PB
    Registrato dal
    Feb 2015
    Messaggi
    569
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da dinoferrari Visualizza il messaggio
    In che anni sono stati lasciati in commercio e quanto costavano
    Come ho scritto sopra sono state commercializzate entrambe alla fine degli anni 80 uscendo sul mercato a breve distanza una dall'altra, se non ricordo male prima la Testarossa e poi l'F40.
    In quegli anni costavano meno degli altri kit Pocher per via del minor numero di pezzi, le ricordo a cifre ben sotto le 500.000 Lire.

    Anconetano, ma quella Testarossa celeste (colore orribile) è stata modificata in targa?
    Ma la vorresti montata o da costruire, oppure vorresti prendere il kit e fartela costruire per migliorarla rispetto al modello da scatola? Se è così mi offro volontario per l'assemblaggio

    Paolo

  12. #11
    Senior Member
    Registrato dal
    May 2014
    Messaggi
    306
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Il rosso è il colore adatto per entrambi i modelli ma non capisco una cosa dal tuo commento,i Pocher rispetto la concorrenza dell'epoca erano modelli di una qualità media?

  13. #12
    Gold Member L'avatar di F312PB
    Registrato dal
    Feb 2015
    Messaggi
    569
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da ghibli
    Il rosso è il colore adatto per entrambi i modelli ma non capisco una cosa dal tuo commento, i Pocher rispetto la concorrenza dell'epoca erano modelli di una qualità media?
    Concordo sul rosso

    Il discorso sulla qualità è a mio parere abbastanza articolato e la risposta non può essere un semplice si o no.
    La Pocher, riferendosi ai kit classici, faceva modelli che sia per la scala che per il numero di pezzi non avevano concorrenti. La complessità della costruzione era, ed è, notevole basti pensare che, come dicevo sopra, le ruote a raggi (tutte in metallo a parte ovviamente il pneumatico e alcuni pezzi circolari in ABS dove si inserivano i raggi che si alternavano alle flange sempre metallo nichelato) sono composte da 180 parti nel caso dei kit delle Rolls Royce e pochi meno negli altri kit.
    Il numero stesso delle altre parti e il loro inserimento reciproco e quello di tutti i meccanismi di azionamento dell'apertura delle portiere o dei freni a tamburo che sono realmente collegati al pedale, fanno si che il montaggio sia riservato a chi ha già una buona esperienza modellistica, per non dire della difficoltà di verniciare ad aerografo pezzi molto grandi realizzando la finitura uniforme e liscia necessaria. Certo la Pocher dice che la carrozzeria è già fornita nel colore giusto e che basta una buona lucidata per avere la finitura corretta, ma questa affermazione per un modellista è un'assoluta eresia. Lo stesso dicasi per gli altri pezzi meccanici: motore, telaio ecc.
    Un altro punto controverso è nella costruzione delle capote dei modelli cabrio dove le capote sono ovviamente funzionanti: le stoffa viene ovviamente fornita ma le istruzioni dicono di fissarla alle centine con la colla (direi del Bostik) ma se provi a farlo ti viene un abbrobrio perchè la colla marcherà orribilmente la tela. La soluzione è prendere altra tela e usare la capote del kit come dima per tagliarne una nuova cucendo nella parte interna (il cielo del tetto) un altro pezzo realizzato apposta creando dei tunnel dove inserire la centine e questo è quello che ho fatto nella Rolls Royce e nella Mercedes.
    Un altro punto da verificare è il sistema di funzionamento dei freni, non so se negli anni '30 questi erano idraulici o meccanici, cioè tramite rinvii e snodi, comunque nei kit il funzionamneto è meccanico con appunto una serie di aste e rinvii che alla fine agiscono su degli eccentrici che allargano le ganasce dei tamburi. Il sistema adottato nei kit è, come ho detto, meccanico, ma guardando la forma dei pezzi e il loro accoppiamento, è sicuramente una semplificazione del meccanismo vero e, se così, per un modellista questa cosa non rispetta la realtà e quindi non è conforme al vero. Tutto l'insieme è comunque bello, ingegnerizzato bene e di grande effetto, ma non è uguale al meccanismo presente nell'auto vera.
    La domanda è: potevano anche farlo uguale al vero, sempre che sia meccanico e non idraulico? La risposta è: sicuramente si, ma sarebbe stato molto più complesso e costoso progettare e produrre le parti e quindi si è optato più per la funzione che per la riproduziione del vero, scelta lecita, ma non conforme e questo il modellista lo nota. Poi quando l'auto è in vetrina tutto questo non si nota ma si vede solo lo splendore degli esterni e interni e le forme di questi capolavori ed quanto detto passa un pò in secondo piano.

    Per i kit "moderni" Testarossa ed F40, la politica della semplificazione per contenere i costi e rendere più semplice l'assemblaggio alla portata anche di un modellista meno esperto, ha portato ad una riduzione del numero dei pezzi e alla fornitura della carrozzeria verniciata, cosa che non è ammissibile per un modellista puro e duro. Inoltre nel motore erano presenti solo i cavi delle candele e mancavano completamente tutte le tubazioni dell'iniezione e molti altri particolari che sono poi stati commercializzati da ditte terze soprattutto tedesche e USA, dai un'occhiata qui per avere un'idea http://www.scaleautoworks.com/TRengtranskit.html
    Non ricordo se c'erano le altre tubazioni olio e acqua, ma mi sembra di no, ho cercato su Google questo https://www.google.it/search?q=pocher+testarossa+instructions&client=firefox-b&dcr=0&tbm=isch&tbo=u&source=univ&sa=X&ved=0ahUKEwj3lvmjp_XWAhVBNhoKHf3ODH0QsAQIKQ&biw=1920&bih=955#imgrc=_ e non mi sembra di vederle e vedo che anche altri particolari sono a mio parere abbastanza semplificati rispetto al vero
    Come vedi per rendere giustizia ad un kit in una simile scala il lavoro di superdettaglio sarebbe stato enorme e alla fine invisibile a cofano chiuso e solo parzialmente a cofano aperto, ma farlo e sapere e documentare con foto tali migliorie è fondamentale per un modellista.
    Anche qui vale il discorso fatto sopra che poi alla fine a modello finito quello che vedi è più che sufficiente, ma quanto ho detto resta comunque.

    La ditta di riferimento nel modellismo è di sicuro la Tamiya e prendendo ad esempio la scatola della Ferrari Enzo in 1/12, uno del loro kit più rappresentativi e paragonabile come dimensioni e numero di pezzi a Testarossa e F40 Pocher, non c'è dubbio che dal punto di vista del dettaglio, precisione di montaggio e rispondenza alla realtà, sia superiore ai kit Pocher. Anche qui si può sempre migliorare e ad esempio ci sono kit di superdettaglio con decals per la fibra di carbonio, pezzi in fotoincisione (ed es. per i freni, ammortizzatori realizzati torniti in metallo e altri dettagli), ma già da scatola il livello è molto elevato e con una precisione nel combaciamento dei pezzi che non teme rivali. Anche la Tamiya comunque non è esente da scivolate progettuali che nel caso della Enzo sono da individuare nel materiale di rivestimento dei sedili realizzato in una strana gomma siliconica a simulare la pelle che non mi convince per niente: avrebbero fatto meglio a fare il pezzo in plastica e lasciare al modellista la rappresentazione della pelle tramite opportuna vernicitura e trattamenti ad hoc successivi.

    Direi quindi che la qualità Pocher è sicuramente elevatissima, specie nei modelli classici, ma un modellista un po' talebano come me pur apprezzando il risultato finale (cosa dimostrata dal fatto che ne ho costrite 4 di Pocher, ma non le due Ferrari), non può non notare quanto sopra e alla fine preferire per rapporto qualità prezzo i prodotti Tamiya (considerando la sola scala 1/12), pur ammettendo che il paragone è un po' azzardato vista la differenza di scala.

    Paolo

  14. Mi piace gino328 piaciuto questo messaggio
  15. #13
    Gold Member
    Registrato dal
    Aug 2008
    residenza
    Reggio Emilia
    Messaggi
    611
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Paolo complimenti per le delucidazioni,sai tantissimo in materia. Quelle costruite sono rimaste a te?

  16. Grazie F312PB ringraziato per questo messaggio
  17. #14
    Gold Member L'avatar di F312PB
    Registrato dal
    Feb 2015
    Messaggi
    569
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da gino328 Visualizza il messaggio
    Paolo complimenti per le delucidazioni,sai tantissimo in materia. Quelle costruite sono rimaste a te?
    Ovviamente si, sono gelosissimo dei miei modelli, ne ho due a casa e due in studio ognuno nella sua teca singola costruita su misura dal vetraio.
    Potrei farne su commissione ma allora sarebbe diverso non li sentirei miei e non sarebbe un problema separarmene.
    Faccio modellismo dal 1979 quindi credo di avere un bel bagaglio di esperienza frutto di errori (sbagliando si impara) ma anche di studio di procedure e tecniche nonchè dell'acquisto degli strumenti opportuni.
    Le Pocher (due Rolls Royce, l'Alfa Romeo Touring Gran Sport e la Mercedes 500 K/AK) le ho costruite dal 1985 al 1989 anni in cui la mia esperienza modellistica si stava evolvendo e infatti ero già riuscito a fare qualche miglioria in autocostruzione su ognuna ma niente di eclatante tipo aggiungere qualche tubazione e cablaggi vari, ma anche, come dicevo sopra, la capote delle due spider.
    In realtà ricordo anche che la Pocher, sempre per fare economia, aveva ad un certo punto sostituito la pelle della selleria con un orribile skai e così, mentre l'Alfa e una delle Rolls avevano la loro bella pelle vera, la Mercedes e l'altra Rolls avevano questa obbrobriosa finta pelle che non ho certo messo sul modello ma ho subito sostituito con morbida pelle da guanti usando anche qui i pezzi in finta pelle come dime per la selleria in pelle vera.
    Il problema principale per dettagliare era che senza internet non c'era modo di trovare referenze fotografiche dell'auto vera, quindi era difficile riuscire a dettagliare come il modello avrebbe meritato. Con l'esperienza attuale e l'opportunità di trovare in rete foto dell'auto vera ora sarebbe tutto diverso.
    Nella mia presentazione trovi le foto di alcuni dei miei modelli più recenti, le auto sono in scala 1/20, la moto in 1/12 tutte Tamiya e tutte superdettagliate sia in autocostruzione che con fotoincisioni e parti in resina
    http://ilferrarista.it/forum/showthread.php?t=7866

    Paolo

  18. #15
    Gold Member L'avatar di flavioleon
    Registrato dal
    Oct 2015
    Messaggi
    1,543
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    chi ha tempo , voglia e pazienza dia un'occhiata a questo link:

    http://www.scalemotorcars.com/forum/...ebuild-21.html

    sulla pagina alcune operazioni di costruzione dei cerchi a raggi di una mercedes 500 K simile immagino a quella di cui parlava Paolo................ IMPRESSIONANTE ... ci si mette meno a restaurarle in scala 1:1

    Ancora complimenti a Paolo

  19. #16
    Amministratore L'avatar di Lucio
    Registrato dal
    Mar 2007
    residenza
    Italia
    Messaggi
    11,915
    Grazie/Mi piace
    Il mio nome
    Lucio
    Potenza rep
    10

    Predefinito

    Io le prenderei rosse

  20. #17
    Amministratore L'avatar di Lucio
    Registrato dal
    Mar 2007
    residenza
    Italia
    Messaggi
    11,915
    Grazie/Mi piace
    Il mio nome
    Lucio
    Potenza rep
    10

    Predefinito

    Confido in un nostro amico .......
    F40 rossa

  21. #18
    Gold Member L'avatar di norba
    Registrato dal
    Mar 2014
    Messaggi
    795
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    lucio un conoscente ne ha una ancora da montare e chiede 1000 euro ha rifiutato offerte di 700

  22. #19
    Gold Member L'avatar di Woody
    Registrato dal
    Sep 2014
    residenza
    Bologna
    Messaggi
    1,992
    Grazie/Mi piace
    Il mio nome
    Alessandro
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Ai modellisti, quelli bravi, nulla è precluso...
    Vuuuuudodici!!!!

  23. #20
    Gold Member L'avatar di F312PB
    Registrato dal
    Feb 2015
    Messaggi
    569
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da Lucio Visualizza il messaggio
    Confido in un nostro amico .......
    F40 rossa
    Cosa bolle in pentola?

    Paolo

  24. #21
    Amministratore L'avatar di Lucio
    Registrato dal
    Mar 2007
    residenza
    Italia
    Messaggi
    11,915
    Grazie/Mi piace
    Il mio nome
    Lucio
    Potenza rep
    10

    Predefinito

    Un amico forse me ne cede una a prezzo ragionevole......

  25. #22
    Gold Member L'avatar di F312PB
    Registrato dal
    Feb 2015
    Messaggi
    569
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da Lucio Visualizza il messaggio
    Un amico forse me ne cede una a prezzo ragionevole......

    Già montata o in kit?

  26. #23
    Senior Member L'avatar di McQueen
    Registrato dal
    Sep 2014
    residenza
    Ticino - CH
    Messaggi
    306
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0
    I soldi non possono comprare la felicità, ma preferisco piangere in una Ferrari che su un autobus.

  27. #24
    Senior Member L'avatar di McQueen
    Registrato dal
    Sep 2014
    residenza
    Ticino - CH
    Messaggi
    306
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0
    I soldi non possono comprare la felicità, ma preferisco piangere in una Ferrari che su un autobus.

  28. Mi piace flavioleon piaciuto questo messaggio
  29. #25
    Gold Member L'avatar di F312PB
    Registrato dal
    Feb 2015
    Messaggi
    569
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Belle foto, qualche domanda: i cerchi e l'alettone anteriore sono di plastica o in metallo cromati?
    Se sono in plastica cromata la soluzione migliore sarebbe di eliminarla e riverniciare con gli Alclad II che sono colori metallici dalla finitura estremamente realistica che riesce a repilcare il metallo molto meglio della cromatura presente nei kit. Gli Alclad hanno diverse tinte dal cromo a diversi toni di alluminio (e anche molti altri colori) e fra questi, guardando le referenze fotografiche dell'auto vera, si trova di sicuro quello giusto.
    Gli Alclad si danno solo ad aerografo dopo aver dato un fondo in smalto nero lucido sotto il Chrome e Polished Aluminim oppure grigio sotto altre tonalità.
    In genere la finitura proposta nei kit è sempre troppo "luccicante" e alla fine appare "giocattolosa". Ah, per eliminare la cromatura sulla plastica basta immergere il pezzo in varichina.
    Un paio di impressioni e suggerimenti: la sospensione anteriore è ben fatta, ma le zigrinature del disco freno mi sembrano troppo accentuate e anche la sua finitura è troppo opaca, di solito i dischi brillano quasi a specchio. Lo scudetto sull'alettone mi sembra un po' piccolo, ma potrei sbagliare, però ho questa impressione.
    Ma la cosa peggiore è la presenza delle bave di stampo nei trombomcini di aspirazione e mi pare pure nell'alettone anteriore. Queste bave vanno assolutamente tolte prima di montare i pezzi e poi i pezzi vanno verniciati per avere al finitura giusta e cancellare le abrasioni dovute alla carteggiatura delle bavette.
    Queste sono alcune regole di base del montaggio che devono essere rispettate sempre.
    Tutto ciò naturalmente non è da intendere come una critica ma sono consigli generali utili per avere la migliore resa possibile di qualsiasi kit in qualsiasi scala.
    Questi kit sono presentati come pronti per essere assemblati anche da modellisti senza o con poca esperienza e con poca attrezzatura, e in effetti il montaggio si può fare anche come dicono loro, ma la realtà vista da un modellista è parecchio diversa

    Paolo

  30. Grazie McQueen ringraziato per questo messaggio
  31. #26
    Senior Member L'avatar di McQueen
    Registrato dal
    Sep 2014
    residenza
    Ticino - CH
    Messaggi
    306
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Alettone in plastica, cerchio: in plastica la parte cromata e metallo la parte in oro.

    Grazie Paolo per i consigli ... vedrò di sistemare i tromboncini... le foto evidenziano molto di più i difetti, in realtà la sbavatura a lato dei tromboncini è impercettibile, si vede solo una riga.
    I soldi non possono comprare la felicità, ma preferisco piangere in una Ferrari che su un autobus.

  32. #27
    Amministratore L'avatar di Lucio
    Registrato dal
    Mar 2007
    residenza
    Italia
    Messaggi
    11,915
    Grazie/Mi piace
    Il mio nome
    Lucio
    Potenza rep
    10

    Predefinito

    La mia dovrebbe essere già montata

  33. #28
    Gold Member L'avatar di F312PB
    Registrato dal
    Feb 2015
    Messaggi
    569
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da McQueen Visualizza il messaggio
    Alettone in plastica, cerchio: in plastica la parte cromata e metallo la parte in oro.

    Grazie Paolo per i consigli ... vedrò di sistemare i tromboncini... le foto evidenziano molto di più i difetti, in realtà la sbavatura a lato dei tromboncini è impercettibile, si vede solo una riga.
    E' vero che le foto col macro non perdonano, ma quelle linee di stampo (create dove i due gusci dello stampo si uniscono) ci sono in tutti i kit e sono sempre da eliminare dovunque siano perchè sono un falso che salta agli occhi, ad esempio in una mostra/concorso di modellismo i giudici se le vedono non ti perdonano.
    Nell'insieme della tua aspirazione le bavette si vedono anche sui corpi degli iniettori e forse anche sulla basetta dei tromboncini mi sembra di vedere qualcosa.
    Per spianarli in genere si usa il tagliabalsa mettedo la lama perpendicolare alla bavetta e con maovimento di va e vieni, rimarrà probabilmente qualcosa da spianare con carta abrasiva con grana direi da 600 fino a 1000 o 1200 almeno a seconda della scala e del risultato finale che si evidenzia.
    Così facendo comunque rimane il segno della bavetta che sparirà con la verniciatura. A proprosito, se non ricordo male, anche i tromboncini erano in metallo cromato e quindi anche qui vale il discorso dell'uso dei colori metallici Alclad II per un risultato ottimale.
    L'alettone ha ormai le decals sopra quindi o ne prendi un altro per rimediare alla bavetta o soprassiedi e lo tieni com'è

    Paolo

  34. #29
    Gold Member L'avatar di F312PB
    Registrato dal
    Feb 2015
    Messaggi
    569
    Grazie/Mi piace
    Potenza rep
    0

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da Lucio Visualizza il messaggio
    La mia dovrebbe essere già montata
    Peccato perdi tutto il divertimento....

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •